Promesso?

“Mi faranno vivere per forza, Momò. Fanno sempre così negli ospedali, hanno delle leggi apposta. Io non voglio vivere più del necessario e oramai non è più necessario. C’è un limite anche per gli ebrei. Mi faranno subire delle sevizie per impedirmi di morire, hanno una faccenda che si chiama l’Ordine dei medici che è fatto apposta per questo. Ti fanno sbavare fino alla fine e non ti vogliono concedere il diritto di morire, per non creare dei privilegiati. Io avevo un amico che non era nemmeno ebreo ma che non aveva nè braccia nè gambe per colpa di un incidente, e lo hanno fatto soffrire ancora dieci anni all’ospedale per studiare la sua circolazione.
Momò, io non voglio vivere solamente perchè lo pretende la medicina. So che sto perdendo la testa e non voglio vivere degli anni in coma per far onore alla medicina. Perciò, se senti delle dicerie d’Orleans che mi vogliono mandare all’ospedale, chiedi ai tuoi compagni di farmi la buona puntura e poi di gettare i miei resti in campagna. In un cespuglio, dove vogliono loro. Sono stata in campagna dopo la guerra una decina di giorni e non ho mai respirato così bene. Per la mia asma è meglio della città. Ho dato il culo ai clienti per trentacinque anni, e adesso non lo voglio dare anche ai medici. Promesso?”
Cheyrem

(da “la vita davanti a sè”, Romain Gary)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...