Le strade della colpa

Davide era un operaio. Lavorava per un’impresa edile e costruiva strade. Lui era quello della betoniera, era quello della pressa, ed era anche quello che si prendeva cura della strada dopo averla costruita. Nulla di speciale, se non per quel suo vizio.
Davide era anche un filosofo, o meglio, così gli piaceva considerarsi. In realtà era uno che pensava molto.
– I filosofi sono gente che pensa, ed io penso molto. Sono un filosofo anche io.
Era questo che si ripeteva dopo ogni lunga riflessione fatta stendendo il bitume. Era anche convinto anche che l’odore di quella sostanza, tanto nera che pareva essere uscita dall’universo più buio, aiutasse la sua mente.
Una volta, asfaltando una piccola strada di campagna, si soffermò a lungo a guardare la vecchia stradina che stavano per ricostruire. La betoniera s’accese e i primi fiocchi di profumo di bitume cominciarono ad arrivare a lui. E con quell’odore arrivò il suo pensiero.
E’ un po’ come una strada. Una di quelle strade appena finite: senza buche, lisce, perfette. Tutto appare tranquillo e stabile. Finchè non accade. A quel punto senti il terreno sotto il tuo asfalto cambiare. Qualcosa sembra attraversarlo, dal profondo. A volte è qualcosa di impercettibile, quasi non ci si fa caso. A volta è tutto chiaro fin dall’inizio. Ad ogni modo, quel qualcosa approfitterà di ogni minuscola crepa nel tuo equilibrio.
Da quel momento in poi, non sarai più padrone di niente. L’erba comincerà a crescere, invadere, spaccare la tua strada, riducendola a brandelli. Fortunatamente ciò accade solo a coloro che posseggono una coscienza. Il senso di colpa è una misura perversa e complicata del bene che vogliamo ad una persona. Non sempre viene capito. Non sempre può essere capito.
Le strade? Quelle continuano a rompersi, sempre. Non resta che strappare via tutta l’erba e buttare giù un altro po’ d’asfalto, vedrai che sarà l’ultima volta.
Davide era un operaio. Davide era anche un filosofo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...